Sabato sera, nella cornice della tre giorni della Hard Rugby Fest 2024, si è svolta la stracittadina annuale tra Nord e Sud, l’appuntamento che va a chiudere la stagione sportiva e che coinvolge le due selezioni dei giocatori del Rugby Colorno Nord, in maglia blu, e del Rugby Colorno Sud, rigorosamente in maglia rossa. Ultimi 80 minuti dell’anno che hanno coinvolto per la maggior parte giocatori originari di Colorno e dintorni, fattore che ha reso la rivalità tra le due contrade sempre più accesa.
I mille spettatori accorsi all’HBS Stadium hanno potuto assistere a una partita divertente e molto combattuta, al primo acuto del Sud da parte di Nisica ha risposto Mey, poi Edoardo Agnelli firma la sua ottima prestazione con una meta da ripartenza mentre appena prima della fine del primo tempo uno spunto sulla chiusa del velocissimo Artusio manda le squadre negli spogliatoi sul 12-12 pari.
A inizio secondo tempo il Sud parte forte con Ceresini che trova il varco vincente, passano i minuti e il Sud si mantiene ordinato resistendo ai numerosi tentativi di andare i meta da parte del Nord, Ceresini approfitta di due calci di punizione a favore per mettere punti sul tabellone luminoso (12-23), il Nord nei minuti finali si fa avanti e va a segnare di forza con il giovane tallonatore Gavioli (19-23) ma nell’ultima azione della partita è Ceresini a centrare i pali con un calcio di drop, l’arbitro Segnatelli fischia la fine sul 26-19. Il Sud bissa il successo dello scorso anno alzando nuovamente la Coppa, stavolta sul palco della Hard Rugby Fest dando il via allo show intrattenuto dai Crazy 90s.
“Il Nord quest’anno si è rinforzato e quindi non eravamo sicuri della vittoria — ammette l’amministratore delegato del Sud Michele Mordacci —, ma i ragazzi si sono comportati bene e il risultato ci ha dato ragione. Non ci sono più attenuanti per il Nord”. 
“Mi è piaciuto il pre partita con le squadre che hanno dato un tocco di colore all’evento esibendosi in una sorta di sfilata all’arrivo allo stadio. Sono stati 80 minuti di rugby vero e non la classica scampagnata tra amici, infatti spesso si sono visti animi particolarmente accesi. Infine ringrazio tutto il numeroso pubblico che è accorso a tifare diviso tra le due fazioni in tribuna Nord e in tribuna Sud” conclude Mordacci.
Prima del calcio d’inizio c’è stato spazio per un momento commemorativo con le premiazioni delle 8 Furie Rosse con più presenze e dei dipendenti Roberta Panepinto, Giovanni Pasini e Francesca Boraschi che lasciano la famiglia del Rugby Colorno. A concludere il cerimoniale Luca Zantelli Cristian Prestera  applauditi in mezzo al corridoio composto dai giocatori di Nord e Sud, Luca Zantelli ha appeso gli scarpini al chiodo per raggiunti limiti di età mentre all’allenatore Cristian Prestera saluta dopo ben 19 anni e due scudetti con il Rugby Colorno.
Sabato 1 giugno 2024
HBS Stadium – Campo G. Maini
NORD v SUD 19-26 (12-12)
Tabellino: 12’ meta Nisica (5-0), 17’ meta Mey (5-5), 22’ meta Agnelli E. tr. Pacchiani C. (12-5), 37’ meta Artusio tr. Cantoni (12-12), 41’ meta Ceresini (12-17), 58’ c.p. Ceresini (12-20), 60’ c.p. Ceresini (12-23), 78’ Gavioli tr. Cantoni (19-23), 80’ drop Ceresini (19-26).
Calciatori: Cantoni M. 2/3 (Nord). Pacchiani C. 1/2, Ceresini 3/3 (Sud)
Cartellini: 61’ giallo Mey (Nord), 70’ giallo Ascari (Sud)
NORD: Allodi, Palma, Micconi, Scarafile, Gavioli, Mey, Godoleshi, Brambilla, Guareschi L., Rollo, Rossi, Mordacci, Roldan, Chiarello, Borsi, Pop, Del Rio, Artusio, Gozzi, Cantoni M., Pagliarini, Terzi ©, Manfrini, Baroni F., Spano L., Drommi, Spagnoli, Martani, Tiberti, Syll.
All. Biancaniello A., Franzoni
SUD: Almagno, Stella, Canni Mar., Canni Mat., Orsi, Balocchi ©, Zanacca, Alberini, Ceresini, Reverberi, Dozio, Gorni, Pacchiani C., Zullo, Salsi, Modoni P., Agnelli E., Ghilardi, Ascari, Zantelli, Pacchiani M., Sandri, Corradi, Landini, Bettinelli, Nisica, Paglia, Bruzzi, Pace.
All. Bettati, Pace
Arbitro: Segnatelli C.
Note: Terreno in buone condizioni, 1000 spettatori