Parliamo oggi con il pilone destro dell’HBS Colorno, il 26enne argentino Gustavo Sito Alvarado, arrivato alla quarta stagione in maglia biancorossa. Approdato nel parmense nel 2015, il nativo di Buenos Aires ha collezionato 58 presenze, divenendo un punto fisso del pacchetto di mischia colornese.

“Il Rugby Colorno rappresenta ormai la mia seconda casa, vivo il club come se fosse la mia squadra sin da bambino. E’ stato un onore far parte della storica promozione in Top12 raggiunta nel maggio 2019, quello che per me era anche un obiettivo personale dal giorno in cui ho deciso di lasciare l’Argentina per iniziare la mia avventura in Europa. Un sogno che ho realizzato e che mi rende molto felice” racconta Alvarado. “Da quando sono qui sono cresciuto tanto sia sportivamente che personalmente. E’ un ambiente perfetto per maturare come giocatore e come uomo”.

Dopo due sconfitte consecutive, domenica 3 gennaio all’HBS Rugby Stadium arriva il Calvisano nel recupero del secondo turno di Peroni TOP10.

“Calvisano ha sicuramente obiettivi diversi dai nostri … Sono una squadra molto solida e abituata a vincere ma non per questo dobbiamo smettere di dare il massimo. In questa stagione abbiamo visto come i risultati non siano per niente scontati, anche le piccole possono far male alle grandi. Sono fiducioso, penso potremo toglierci qualche soddisfazione quest’anno.”

Come procede il rientro della squadra dalle brevi vacanze natalizie? 

“Siamo tornati con tanta voglia di vincere e lavorare sugli aspetti che dobbiamo migliorare. E’ stato importante poter riposare una settimana per poter ricuperare fisicamente e mentalmente in modo da affrontare i prossimi impegni che ci aspettano, covid permettendo. Da gennaio avremo da affrontare una mole importante di incontri.”

Settimana scorsa il fulmine a ciel sereno con i 4 punti di penalizzazione in classifica causa esubero di giocatori stranieri. Come sta reagendo il gruppo a questa batosta inaspettata?

“Onestamente il morale della squadra non era alle stelle dopo la sconfitta all’ultimo secondo con Viadana e questa notizia non ha di certo migliorato la situazione. Penso che Colorno sia una squadra con grande potenziale  sia fisico che mentale, in grado di poter superare questi ostacoli. Dobbiamo continuare a lavorare duro e prima o poi gli sforzi verranno ripagati. Adesso noi giocatori dobbiamo solo pensare ad affrontare una partita dopo l’altra per raggiungere i nostri obiettivi. Per le situazioni extra-campo abbiamo un personale e uno staff che hanno sempre dato sempre il meglio per farci scendere in campo nelle migliori condizioni.”

Appuntamento dunque a domenica 3 gennaio sull’HBS Rugby Stadium per il recupero della seconda giornata di Peroni TOP10: HBS Colorno vs Kawasaki Robot Calvisano.

MAIN SPONSOR